X

Piaggio Porter elettrico (electric power)

Esiste un veicolo prodotto dalla piaggio adatta ai piccoli trasporti e in generale al lavoro, che si chiama Porter.
Ne esistono diverse versioni: pianale ribaltabile, chassis con pianale normale e allungato,  in formato “chiuso”, un furgoncino praticamente, sia semplice che vetrato, cioè con i vetri anche per la parte posteriore. E soprattutto tutte queste versioni esistono anche con la motorizzazione elettrica, porter electric-power, con capacità di carico limitata a circa 500 kg, e  costo intorno ai 22.000 euro…cioè quasi il doppio della versione bifuel BENZINA+GPL.

E’ ricaricabile da una normale presa elettrica…e nessuno ne parla di un veicolo così??? In Italia trovare info al riguardo non è affatto semplice, e la cosa buffa è che sul sito della Piaggio ci sono meno informazioni di quante si trovino cercando in rete nei blog e nei siti di news all’estero…incredibile quanto sia elementare il sito della Piaggio!
Sembra quindi che abbia un’autonomia di circa 120 km MA una velocità massima di soli 55 km/h…che mi sembra veramente pochissimo, direi una velocità pericolosa se si pensa che è destinata anche a scendere con l’aumentare dell’usura delle batterie.
E si ricarica in 8 ore in modo completo dalla spina di casa e in sole 2 se la corrente disponibile è trifase.

Rimane comunque un mezzo interessante, di cui non ho dati di vendita anche perchè credo ne abbiano venduti veramente pochi e quei pochi solo e soltanto grazie ad incentivi di vario tipo, nazionali e/o locali. Il suo prezzo tanto è molto più alto rispetto alle versioni a carburante fossile, oltretutto già molto parche di consumi ed emissioni di co2. Insomma la differenza di consumo e manutenzione è difficile che negli anni riesca ad ammortizzare il maggiore costo iniziale, senza contare che normalmente rispetto ai costi di listino le versioni più vendute sono anche quelle più economiche.

GuidoElettrico: Guido Elettrico è un uomo qualsiasi, che però vive in una grande città e crede che ci stiamo avvicinando sempre più alla crisi del petrolio e delle fonti energetiche fossili in generale. Ma soprattutto che la mobilità urbana, e non solo, vada ripensata partendo quindi dai veicoli ibridi o completamente elettrici.

View Comments

  • basterebbe portargli la velocità max ad almeno 80 kmh mantenendo l'autonomia a 100km cona carica piena, lo acquisteremmo subito, 55kmh massimi sono troppo pochi col traffico di Roma, gia sulla Colombo non ci si può girare, sul GRA poi manco a parlarne. un vero peccato. magari si potesse modificare per fargli fare qualcosa in piu di velocità, non per fare le corse ma per adeguarlo al traffico più che altro.

Questo sito utilizza i cookies