X

7 consigli per non farsi investire in bicicletta (elettrica o non)

7 semplici consigli per evitare di essere investiti in bici:

  • Gira di notte e di giorno con i fanali accesi (non li hai? Montali subito!!!), anteriore e posteriore, e con i catarifrangenti sulle ruote, meglio se anche in altri punti, per la vista laterale del mezzo. Non dovi per forza usare la “vecchia” dinamo, anche se obiettivamente è più “ecologica“, puoi usare le lampadine ricaricabili così quando sono esaurite le porti a casa e le ricarichi alla corrente domestica.
  • Usare il campanello (prima comprarlo…), perchè è meglio sentirsi imbarazzati a suonarlo, che essere investiti perchè qualcuno non ci ha visto, nonostante le sopracitate luci! Alle volte ci troviamo con qualche auto intorno che sembra indecisa, o con il guidatore al cellulare (senza auricolare, troppo tecnologica questa invenzione moderna per usarla veramente), o semplicemente inebetito dalla pubblicità di qualche completo intimo per ragazze…
    In questi casi e in casi analoghi…meglio suonare e farci sentire!
  • Guidare all’estrema destra non è SEMPRE la cosa migliore. E’ vero che questa sana abitudine evita che le auto c’investano da dietro, o che anche solo ci suonino a 20 cm dalla ruota posteriore, ma se la nostra strada è sgombra, guardandoci alle spalle, in prossimità di un’incrocio a destra è meglio tenerci al CENTRO della carregiata in modo da essere ben visibili da chi è all’incrocio e deve immettersi nella nostra strada. Infatti molto spesso auto parcheggiate agli incroci, (qualcuno rispetta i 5 metri di divieto di sosta dall’incrocio? Anzi meglio, qualcuno FA RISPETTARE questo divieto?), mur, cartelli, secchi della spazzatura o altri elementi, impediscono la visione completa della strada.
  • Attenzione alle rotonde: in città medio-grandi se ne trovano poche, qualcuno solo nelle “nuove” periferie (praticamente quelle nate intorno a grandi centri commerciali e negozi Ikea)
    Sono uno dei punti più difficili da gestire, quindi potenzialmente più pericolosi…
    Immettiti nella rotonda senza auto al tuo fianco…forse dovrai spostarti un po’ a sinistra per evitare che questo avvenga, ma con attenzione e guardando bene dietro lo potrai fare. Immettiti sulla rotonda, segnala chiaramente con il braccio la direzione che vuoi prendere, perchè il pericolo maggiore è che un’auto debba svoltare in un’uscita mentre tu vuoi proseguire dritto…e spesso gli automobilisti danno per scontato che siccome stai nella corsia di destra…allora girerai alla prima a destra! Nel caso esistano gli attraversamenti ciclabili (strisce bianche con tratteggi piccoli) usali, perché qui i veicoli devono dare la precedenza alle biciclette che hanno iniziato l’attraversamento (comunque
    molta attenzione perché molti automobilisti non conoscono il significato di questo segnale!!!)
  • Rallentare molto o fermarsi completamente, in tutte quelle situazioni in cui siete in forte dubbio sul fatto di essere stati visti dal guidatore di un’automezzo. E’ una questione di sensibilità e di abitudine a guidare nel traffico, però in bicicletta bisogna essere ancora più attenti che con un mezzo più grande/protettivo/stabile.
    Quindi è importante cercare di capire se siamo stati visti. Certo dobbiamo fare di tutto per esserlo, dai fari, agli indumenti chiari o con strisce riflettenti, però è sempre possibile non essere visti. Allora se non si è sicuri, in prossimità soprattutto degli incroci, meglio arrivare a fermarsi e poi quando la situazione è più chiara muoversi di conseguenza.
  • Non fermarti al semaforo nel “punto morto di un’auto, camion o autobus. Ad esempio se c’è la svolta a destra e sei alla destra di un’auto…magari devi girare anche tu, ma se ti accorgi che sei nel “punto morto”, cioè la dove l’automobilista non riesce a vederti per qualche motivo, meglio aspettare che questa giri per prima e poi seguirla. Se scattiamo al semaforo insieme…rischiamo che l’auto stringa la curva un po’ troppo e c’investa.
  • NON pedalare contromano. Può sembrare a qualcuno che sia meglio, in quanto le auto arrivano da davanti e quindi si può vedere cosa stà per succedere, invece è più pericoloso per diversi motivi
    1. chi si immette da parcheggi o strade laterali non si aspetta qualcuno contromano, auto o bici che sia, quindi non presta proprio attenzione a quella direzione. Potrebbe farlo, sarebbe meglio, ma nella realtà non accade.
    2. le auto si avvicineranno a velocità superiore…perchè alla loro velocità va sommata la tua…quindi avrai meno tempo per reagire in situazioni estreme, di emergenza, e inoltre qualsiasi incidente avverrà a velocità maggiore con conseguenze peggiori.
  • GuidoElettrico: Guido Elettrico è un uomo qualsiasi, che però vive in una grande città e crede che ci stiamo avvicinando sempre più alla crisi del petrolio e delle fonti energetiche fossili in generale. Ma soprattutto che la mobilità urbana, e non solo, vada ripensata partendo quindi dai veicoli ibridi o completamente elettrici.

    Questo sito utilizza i cookies