16 febbraio 2009 ~ 0 Commenti

Giocattoli eco-logici per bambini, ragazzi…e non solo

Automodello radiocomandato ad idrogenoI giocattoli che regaliamo ai bambini possono essere eco-logici. Possono sicuramente essere costruiti con tecniche e materiali a basso impatto ambientale, come plastica e carta riciclate, però possono anche introdurre il bambino alle meraviglie dei processi naturali, ai concetti di energia, alle fonti rinnovabili e “nuove” di energia. Cosa che personalmente reputo più importante perchè potrebbe renderlo sensibile a queste tematiche fin da piccolo, magari riuscendo a coinvolgerlo praticamente nel rispetto dell’ambiente per tutta la vita (ebbene si…sono un romantico sognatore…)
Senza uscire troppo dal seminato, entrando solo con un piede nel campo del modellismo, vi segnalo alcuni prodotti simpatici, adatti come regalo a bambini più o meno dai 6 anni di età in poi, ma anche come regali particolari per amici di qualsiasi età. 🙂

  • automobilina ad energia solare, semplicissima ed economica
  • Auto a idrogeno. Grazie ad una piccola cella a combustibile (fuel-cell). La particolarità di tale cella sta nel fatto di poter funzionare alternativamente in 2 modalità, elettrolisi (divide acqua distillata in idrogeno e ossigeno) ed elettrolisi inversa (ricombina idrogeno con ossigeno riottenendone energia elettrica).
  • auto radiocomandata ad idrogeno, simile alla precedente questa per circa 30€ in più offre anche la possibilità di controllare a distanza l’automodello.
  • ranocchia ad energia solare…non ha le ruote ma ha delle piccole zampette. 🙂
  • Power house: simpatica casetta che consente di costruire 10 modellini diversi che introducono ben 30 esperimenti legati ai concetti di impatto sostenibile, risparmio energetico e fonti energetiche rinnovabili
    Potremmo costruire un piccolo generatore eolico, usare i pannelli solari, costruire una pila al limone (chi si ricorda ANNI e ANNI fa il primo orologio che andava “ad agrumi”? Lasciate un commento…vi pregooooo!!!)
    Nei negozi italiani ne gira anche una versione più semplice ed economica, chiamata “energie alternative

Lascia un commento