Lilli Gruber: brava, bella ma ignorante sulle energie rinnovabili

lilli gruberIl video merita…anche se come al solito un politico (Lilli Gruber, ex giornalista, oltretutto è stata nel parlamento europeo) non fa una bella figura.

Sicuramente l’episodio è banale, un momento di poca lucidità, però non sapere che i pannelli solari hanno bisogno del sole…e che di notte notoriamente il sole non c’è…è quantomeno imbarazzante, per lei e per noi italiani.

Insomma Lilli si stupisce pubblicamente, in onda sabato 6 giugno durante la trasmissione  “8 e mezzo” su La 7, si stupisce che sia possibile questo fenomeno…e che qualcuno continui a parlare di una tecnologia che però di notte è “morta”! Però da un certo punto di vista può far riflettere…ad esempio tutti coloro che continuano a parlare di energia fotovoltaica dimentichi dell’energia eolica, che invece anche di notte può essere prodotta…solo che ha comunque bisogno di vento (speriamo che almeno questo Lilli Gruber lo sappia).

Nonostante queste merita il mio personale rispetto, l’ho sempre apprezzata come giornalista e credo si sia allontanata dalla RAI quando ha finalmente razionalizzato che l’informazione sulle reti nazionali non è libera, non è vera informazione, sfiora il gossip troppo spesso anche durante i TG.
Da Wikipedia, la sua storia più recente: “Nel settembre 2008, in una lettera agli elettori spiega la decisione di non ripresentare la propria candidatura al Parlamento europeo nelle elezioni del 2009 e annuncia che si è conclusa l’esperienza di “giornalista prestata alla politica” per ritornare a svolgere la professione. Si dimette, pertanto, da eurodeputata. “Così facendo”, ha spiegato lei stessa a Pippo Baudo durante Domenica IN del 5 ottobre 2008 “ho rinunciato a uno stipendio di 11.800 euro lordi mensili e, dimettendomi prima della fine della legislatura, ho perso il diritto alla pensione”. Da questa stagione conduce il programma “Otto e mezzo” su La7.” (dove credo comunque non si possa lamentare dello stipendiuccio…)

3 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.