Archivio | Dati e statistiche

19 aprile 2012 ~ 3 Commenti

Sprechi italiani: dopo gli scooter elettrici anche le auto elettriche

Il settore “verde” non può certo rimanere fuori dagli scandali degli sprechi italici, dal gioco dello spreco di denaro pubblico, dall’hobby dell’inutilizzo di beni e risorse… economiche, fisiche, culturali.
Dopo il mezzo scandalo (perchè solo con 2 ruote) degli oltre 100 scooter elettrici acquistati 9 anni fa dal comune per far muovere i vigili urbani (mi sembra milanesi… os baglio?) oggi si viene a sapere anche di circa 700.000 euro usati male, precisamente per l’acquisto di 20 auto elettriche (furgoncini): in totale, 700 mila euro di investimento, con un rientro economico che sarebbe dovuto arrivare da incentivi europei… mai arrivati in quel di Fermo. :-(
Sembra non vengano usate per motivi “tecnici”: qualcuno all’acquisto ormai risalente a 2 anni fa non avrebbe controllato il reale stato delle vetture, soprattutto le batterie… che oggi hanno una carica ridicola, di pochi metri anche dopo piena carica appunto, e che quindi le rende inutilizzabili.
Probabilmente si aprirà la solita inchiesta, che ancora più probabilmente darà responsabilità a qualcuno che oggi non ha più incarichi nel comune…
Non è una notizie nuova, l’ho letta mesi fa sul Resto del Carlino… magari nel frattempo è successo qualcosa, si è scoperto l’arcano mistero, si è capito chi ci ha “mangiato” all’epoca… o anche solo chi aveva pensato di mangiarci qualcosa con l’arrivo del denaro europeo… ... CONTINUA

Continua a leggere

15 dicembre 2009 ~ 1 Commento

Batterie di carta al posto delle batterie al litio?

Che il litio sia una risorsa non infinita come tante altre sul nostro pianeta, è un dato certo.
Che invece sia possibile trasformare fogli di carta in batterie ad alte prestazioni, paragonabili a quelle al litio, è qualcosa di strano e mai sentito prima, però potrebbe essere una realtà a cui dovremo abituarci già in nel giro di pochi anni.
Alcuni ricercatori della Stanford University (California) hanno ricoperto un foglio di carta con inchiostro a base di nanotubi in carbonio (strutture cilindriche trecento volte più sottili di un capello umano) e cavi microscopici realizzati in argento, trasformando la carta in batteria. ... CONTINUA

Continua a leggere

02 novembre 2009 ~ 0 Commenti

23 milioni di euro dall’Europa all’Auto Elettrica

Il lento carrozzone dell’Europa inizia a muoversi: la Commissione Europea ha messo a disposizione 23 milioni di euro per sostenere, con un progetto pilota, iniziative volte a far decollare il settore dei veicoli elettrici.
L’obiettivo è mettere quanti più attori possibili intorno ad un tavolo, ad un progetto comune per la standardizzazione delle infrastrutture di rifornimenti dei veicoli elettrici.
Quindi sia gli standard che permettano “prese” utilizzabili in quanti più paesi del mondo senza adattatori o problemi di tensione, sia la diffusione sul territorio dei distributori veri e propri, le cosiddette “colonnine di ricarica” per auto, moto, scooter e biciclette elettriche. ... CONTINUA

Continua a leggere

30 ottobre 2009 ~ 0 Commenti

30.000 auto elettriche all’anno per la piccola REVA

Reva NXG, al tramonto... ma solo nella foto!Ottimi numeri per l’azienda indiana REVA, con sede a Bangalore e con 30 mila auto elettriche all’anno è ufficialmente il primo costrutture al mondo per automobili elettriche vendute! :-)
E se vi capita di fare un giro a Londra, ad esempio, vedrete più di una Reva G-WIZ, piccolissima city-car venduta fin dal 2001 e dall’aspetto simpatico, è talmente conosciuta che è stata anche oggetto di una prove e recensioni ad opera di riviste cartacee, media digitali e programmi televisivi (ad esempio TOP GEAR… ma la sua prova è stata tremendamente “di parte”)
Sono “sdoganate”, e con le SMART che circolano in effetti le differenze si notano poco. Parcheggiate se ne vedono meno, ma è anche logico che chi ne ha una abbia anche un box o garage dove lasciarle a ricaricare quando non usate. ;-) ... CONTINUA

Continua a leggere

15 ottobre 2009 ~ 1 Commento

Gli incentivi auto fanno male…ma davvero?

Riassumo l’articolo di Repubblica che commenta le rilevazioni della BCE (Banca Centrale Europea) sull’efficacia degli incentivi economici dei governi europei al comparto automobilistico.
Infatti i governi, quest’anno, per frenare la caduta dei consumi durata mesi e mesi, con picchi negativi anche oltre il 30%, hanno dato generosi incentivi in nome del rispetto per l’ambiente, del basso impatto ambientale delle auto omologate euro5, dell’utilizzo di biciclette al posto delle auto, ecc. ... CONTINUA

Continua a leggere