Meno modelli e motorizzazioni, e più auto ibride/elettriche?

Mi domando…e vi domando…
Se ci guardiano intorno nel traffico delle città ci sono migliaia di auto di modelli differenti (spesso con una sola persona a bordo…1,5 tonnellate per spostare 80 kg di peso…ma questa e’ un’altra storia…), ognuna non solo ha sigle diverse sul didietro, ma la vediamo anche esteticamente differenti in qualche particolare.
Se compriamo una rivista di motori di quelle con il listino nella parte finale…oggi questa parte è costituita da centinaia di pagine, alle volte è anche il 50% dell’intera rivista, di cui la parte “di contenuto” è già al 50% e anche oltre piena di pubblicità.
E se sfogliamo quest’ultima parte, i listini delle varie case automobilistiche, vediamo che non solo ognuna ha TUTTI i segmenti di autovettura nel catalogo (le eccezioni sono rarissime…mi vengono in mente FERRARI, PORCHE e poche altre…pensate che anche la Jaguar stà facendo una “piccola” di lusso…) e ogni modello di macchina è proposto con differenti allestimenti interni ed esterni, con motori a benzina, diesel, flexifuel, bipower, metano, gpl, con i sedili di pelle cucita a mano e firmata da qualche stilista internazionale, e via discorrendo.

Ma per produrre tutte queste auto diverse è NECESSARIO, il mercato lo richiede veramente? Quanti modelli “strani” vengono venduti realmente? Le differenze di motorizzazione, fra il 1300 e il 1500 a benzina, fra il 1600 diesel con o senza il filtro antiparticolato (FAP) sono così importanti da dover tenere in catalogo tutte le motorizzazioni??? I clienti non riuscirebbero a orientarsi anche con meno motori sotto il cofano fra cui scegliere?
Io credo sia un’operazione di marketing, per creare e far viaggiare la notizia sui giornali, nelle press release, su Internet, nel word of mouth…
E invece non potrebbero evitare di fare, ad esempio, 21 modelli di Citroen C1 (dico 21 e di questi nessuno ibrido o elettrico!!!) o 51 modelli di BMW serie 3, e con il risparmio nella catena produttiva concentrarsi per produrre e vendere ad un prezzo più basso della media, un’auto ibrida city-car o di medie dimensioni o anche berlina o anche un SUV o anche una jeep, basta che sia ibrida con un motore a combustione da pochi cavalli, a supporto?
Il “battage” nei media non potrebbe avere un miglior riscontro rispetto a quello prodotto da 2 “nuovi” modelli, quello PIC-NIC “rosso a scacchi blu” e quello “delux” con brillantini sul cambio e sul volante???

E’ un’idea tanto strana?

One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.