X

Kyosho dNaNo scala 1/43: micro RC super tecnologiche!

E’ stata presentata in Giappone la dNaNo, i primi giorni di marzo, una piccola auto radiocomandata in scala 1/43 che pesa meno di 50 grammi (!), con elevato contenuto tecnologico e alcune caratteristiche veramente interessanti e inedite nel mondo del modellismo.
Kyosho è uno di quei produttori di modelli e giocattoli RC da tenere d’occhio, negli ultimi anni ha azzeccato alcuni prodotti come pochi nel mondo…pensate al successone delle MINI-Z, con campionati nati in tutto il mondo e praticamente precursori di tutto il mondo MICRO in generale.

Il sistema radio lavora sui 2.4 Ghz ed è il modello KT-18 2.4GH, mentre il propulsore è micro motore coreless alimentato da una batteria LiPo da 3.7V 130MAh. Quella che a mio parere è la novità più interessante è che ogni dnano è equipaggiata con un transponder che, collegandosi ad un computer, potrà trasmettere in Rete i dati riferiti ad un ID unico, cioè un sistema di telemetria digitale…integrato!
Ogni auto radiocomandata avrà un suo codice identificativo univoco, una specie di targa elettronica.
Uno dei primi modelli che andrà in commercio in Giappone è la Enzo Ferrari 360 Modena, le cui foto in Internet sono veramente bellissime, anche le scocche infatti sono curatissime, ben colorate e dettagliate. Magari poi per le corse ne useremo di più economiche e leggere… 😉
Insieme alla 360 Modena verranno da subito commercializzati i seguenti modelli: Murcielago LP640, la Porsche 962C LH, la Mazda 787B. e la Nissan Skyline GT-R.

Questi i dati della Ferrari, per esempio:

Motore: coreless 7mm
Lunghezza: 108.9mm
Larghezza:
47.0mAltezza: 27.0mm
Misure delle gomme anteriori:
15mm×12mm×5.5mm
Misura delle gomme posteriori: 17mm×12mm×8.0mm
Peso:
40 g

Non sappiamo quando la Kyosho dnano arriverà in USA e poi in Europa, ma questo piccolo gioiello sappiamo almeno che in Giappone ha un costo comunque altino per il momento…in rapporto alle dimensioni sicuramente: circa 150€
Non è però un giocattolo, forse può assomigliarci più di altre micro-auto, come la micro-t della Losi, però ha contenuti tecnici senza eguali.

GuidoElettrico: Guido Elettrico è un uomo qualsiasi, che però vive in una grande città e crede che ci stiamo avvicinando sempre più alla crisi del petrolio e delle fonti energetiche fossili in generale. Ma soprattutto che la mobilità urbana, e non solo, vada ripensata partendo quindi dai veicoli ibridi o completamente elettrici.

Questo sito utilizza i cookies