X

Auto Aptera, elettrica o ibrida, a scelta

Aptera Composites ha finalmente aperto le prenotazioni per la sua auto, appunto chiamata APTERA, attraverso il versamento di 500$, che non è una reale prenotazione, perchè solo quando sarà realmente conosciuto il suo prezzo di mercato e i suoi dealer locali sarà possibile acquistarla.
Insomma questo veicolo elettrico è entrato nella fase di produzione. 🙂

Pensavo che l’Aptera fosse un prototipo di auto volante…le forme sono indubbiamente quelle.
Ha 3 ruote ma tanto è l’impressione che sia fatto per volare che la mente immagina che al posto delle gomme quei vani contengano 3 turbine che la alzino con il più classico dei decolli verticoli “all’ammerricana”.
Esiste chiaramente un sito dedicato dal design tondeggiante.
La cosa simpatica è che in realtà questo veicolo elettrico/ibrido è una moto, cioè è possibile che in molti paesi venga omologato come motociclo per via del peso e del rapporto peso/potenza.
Un motociclo però con l’ingombro di un’auto ed elevati standard di sicurezza dati dalla cellula centrale che preserva i passeggeri dagli mpatti.

Qual’è la particolarità di quest’auto? Il ridotto peso e quindi la possibilità di avere prestazioni molto interessanti, raggiunte tramite il solo motore elettrico o l’accoppiata motore diese+motore elettrico. E’ una scelta che ciascun cliente deve fare prima dell’acquisto dell’auto.

Per 27.000 dollari potremo acquistare la versione solo elettrica, dotata di circa 120 miglia di autonomia (200 chilometri) e che potremo ricaricare tramite la normale corrente alternata.
Oppure per circa 30.000 dollari potremo acquistare la versione più veloce, con 2 motori, che raggiunge i 140 km/h e ha un’autonomia comunque di 40-50 miglia con il solo motore elettrico (il secondo motore è andato a sostituire lo spazio di qualche batteria…)

GuidoElettrico: Guido Elettrico è un uomo qualsiasi, che però vive in una grande città e crede che ci stiamo avvicinando sempre più alla crisi del petrolio e delle fonti energetiche fossili in generale. Ma soprattutto che la mobilità urbana, e non solo, vada ripensata partendo quindi dai veicoli ibridi o completamente elettrici.

View Comments

  • Molto interessante questo blog, è la prima volta che lo visito e devo dire che promette bene , finalmente il nano publishing si è interessato ai veicoli elettrici, prima di questo sito c'erano più che altro contenuti in inglese e niente di specifico.

    Complimenti per l'iniziativa e in bocca a lupo.

    Lorenza

  • ciao,

    permettetemi una domanda un'pò banale

    se uno volesse costruisi un fuoristrada (magari a idrogeno ) per circolare esclusivamente fuori strada o su sentieri sterrati (o ipotesi in pieno deserto )
    è necessaria l'omologazione ?

    grazie

  • Non sono un esperto in materia di omologazioni, però che io sappia non è necessario.
    Ad esempio per le moto da CROSS o da enduro, puoi girarci fuori dalle strade ordinarie anche se non in regola con i documenti di circolazione. L'esempio tipico sono i veicoli da gara: sono assolutamente "fuori serie".

Questo sito utilizza i cookies